L’altra altra metà del cielo. Donne
al FLAG Festival di Roma

Il terzo docu-film di Maria Laura al Festival della letteratura e del cinema arcobaleno (FLAG) di Roma.

Flag_2022

Articolo di Romatoday.it

Si svolgerà dall’8 all’11 Settembre 2022 nel cuore pulsante di Roma, nella storica e splendida Piazza Vittorio la terza edizione di Flag, Festival della letteratura e del cinema arcobaleno, un importante evento rivolto ai giovani e a tutta la cittadinanza.

L’evento Flag è promosso da Gaycs Lgbt Aps – Settore AiCS LGBTI, con il supporto di Anec Lazio e Agis Lazio all’interno dello spazio estivo di Piazza Vittorio ed in collaborazione con le associazioni Idea Europa, Eca Onlus, Isidem, Rinnovamenti, SOS Famiglie, Yellow Sport, SOS Diritti e Legalità, Factory 1342, SOS Europa, EuroMamme, Young Leaders, Euroagricoltori.it, Aiasc la casa editrice romana Ponte Sisto e l’agenzia Ars Media Group.

La scelta di sviluppare la manifestazione nella storica Piazza Vittorio, vuole contribuire alla rinascita di uno dei quartieri più belli ed affascinanti della Capitale.

Sarà il coordinatore nazionale di Gaycs Lgbt Aps Adriano Bartolucci Proietti a coordinare la kermesse, esprimendo parole di forte significato per il progetto: “E’ un onore promuovere ed organizzare FLAG insieme ad altre persone altrettanto appassionate che come me si son fatte guidare dai fari dell’uguaglianza e della libertà, due termini che sottolineano la nostra pacifica lotta alla discriminazione” – e aggiunge in riferimento alla scelta del tema arcobaleno – “E’ tempo di allargare l’orizzonte culturale di questo Paese che ha visto nascere una legge a tutela delle coppie omosessuali dopo trent’anni di battaglie e perdere l’appuntamento con l’approvazione della Legge Zan bocciata dal Senato. La nostra speranza, è che la diffusione della cultura a tema lgbtq+, possa impiegare meno tempo per mostrare al mondo l’universalità dell’amore e la necessità di pari diritti. Per tutti!”.

IL PROGRAMMA

Giovedì 8 Settembre 2022

ore 18.30: Dibattito: Sport: tra inclusività e agonismo. La storia degli EuroGames 2019 Partecipa (tra gli altri) il direttore sportivo della 17 edizione di Roma, Fabio Conte
ore 20.30: Presentazione dell’VIII edizione degli Italian Gaymes (9-11 Settembre 2022) Realizzati da Gaycs Lgbt Aps – Settore AiCS LGBTQ in collaborazione con Yellow Sport. Partecipano Maria Antonietta Manganello, Presidente Yellow Sport e Adriano Bartolucci Proietti, coordinatore nazionale Gaycs Lgbt Aps

ore 21.00: Proiezione Docufilm: L’ALTRA, ALTRA META’ DEL CIELO… DONNE di Maria Laura Annibali, regia di Filippo Soldi. Interviene l’autrice Maria Laura Annibali
Partecipano: Marilena Grassadonia, delegata Lgbtqia+ del sindaco di Roma, Antonella Giordano, giornalista, scrittrice e poeta, Cristina Leo, psicologa, attivista Lgbtqia+, vicepresidente Gender X, Francisco Córdoba, pittore, scultore, scrittore e performer, Diana Agostinello, Ufficio Nuovi Diritti Cgil Roma e Lazio, Isabelle M. Rizk, esploratrice di vita

Flag_2022_8_settembre

Leggi tutto “L’altra altra metà del cielo. Donne
al FLAG Festival di Roma”

Calendario Codacons 2022

Famiglie omogenitoriali, allargate, gay, lesbo, trans, con figli o senza nel nuovo calendario firmato Tiziana Luxardo che si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica e combattere le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Video del backstage – Tiziana Luxardo, la sua équipe con i “modelli” e le “modelle” al lavoro sul set fotografico

Codacons e Tiziana Luxardo organizzano la  Conferenza Stampa di presentazione del

CALENDARIO CODACONS 2022
un progetto a cura di Tiziana Luxardo

Martedì 23 novembre ore 11.00

presso la Casa Internazionale delle Donne Via della Lungara, 19 Roma

Il calendario Codacons 2022 è frutto della lunga collaborazione tra Codacons e Luxardo che ha portato, negli anni, alla realizzazione di campagne di sensibilizzazione su importanti tematiche sociali. Con questo nuovo progetto, dal titolo “Dove c’è cuore c’è casa”, si vuole tracciare, attraverso dodici scatti in bianco e nero con un unico elemento di colore dato dalla cornice, si vuole tracciare una nuova geografia della famiglia italiana, più reale e meno convenzionale, che racconta nuove forme di affettività, di complicità e anche di genitorialità. Al centro del lavoro dell’artista come sempre i temi sociali, in questo caso trattati non da un punto di vista ideologico ma emozionale ed empatico.

Interverranno:

Carlo Rienzi, Presidente Codacons
Marco Ramadori, Copresidente Codacons
Tiziana Luxardo, Curatrice del Calendario Codacons 2022
Patrizia Mirigliani, Patron del Concorso di Bellezza Miss Italia
Maria Laura Annibali, Presidente Di’ Gay Project – DGP
Edda Billi, Presidente onorario AFFI e fondatrice “Casa Internazionale delle Donne”
Antonio Guidi, Ex Ministro per la Famiglia e la Solidarietà Sociale

Presenti, inoltre, alcuni dei soggetti ritratti nei dodici scatti che compongono il calendario.

Video dell’evento del 23 novembre 2021

IL mese di ottobre

Maria Laura e Lidia per il mese di ottobre

Fotomontaggio dell’evento dedicato a Maria Laura e Lidia

Per sfogliare il calendario:
https://www.gay.it/codacons-calendario-2022-famiglie-arcobaleno

La rassegna stampa: https://codacons.it/category/rassegna-stampa/

Alessandro Zan Senza paura

Presentazione del libro: Senza Paura. La nostra battaglia contro l’odio di Alessandro Zan.

Una splendido evento per riaprire la nostra bella sede chiusa da oramai troppo tempo per colpa del Covid.

Mercoledì 10 novembre 2021ore 18.30

Un evento da non perdere se volete conoscere tutti i retroscena del percorso del travagliato DDL Zan e i possibili sviluppi futuri.

Alessandro Zan è diventato uno dei politici più noti di questa legislatura. È, infatti, il relatore del disegno di legge che porta il suo nome, una proposta che sta agitando come poche volte nella storia repubblicana recente, un dibattito e una partecipazione forte sia dentro che fuori il Parlamento.

PARTECIPANO

Alessandro Zan, deputato e attivista LGBTQI
Imma Battaglia, presidente onoraria DGP e attivista LGBTQI
Maria Laura Annibali
, presidente DGP e attivista LGBTQI
Amedeo Ciaccheri, Presidente del Municipio VIII

MODERA

Carmelo Attolico, volontario DGP

Questo libro è molte cose insieme: un racconto autobiografico intimo e privato in cui l’autore condivide con il lettore il suo percorso faticoso ma consapevole di militante Lgbt, dagli inizi nella piccola provincia padovana fino ai banchi della Camera dei deputati. Ma non solo: Alessandro Zan spiega le necessità di una legge che combatta l’odio, l’omotransfobia, la misoginia, l’abilismo. Denuncia l’approccio eteronormativo del diritto, il patriarcato nelle sue molteplici e inconsce forme di dominio. Infine racconta quelli che sono i sostenitori del Ddl e gli oppositori più accaniti e mascherati. Partendo, però, da un presupposto chiaro: questa è una legge a tutela di tutti. Per amare chi si vuole, senza paura. Per essere se stessi, senza nascondersi.

PIEMME EDIZIONI

Video dell’incontro:
https://www.facebook.com/DiGayProjectDGP/videos/263531449024056
https://www.facebook.com/DiGayProjectDGP/videos/1239937486515512

Giacinto Festival – nature LGBT+

Con l’Associazione Stonewall Siracusa

Giacinto Festival – nature LGBT+ a #Noto il 7 e l’8 agosto 2021.

Ecco il programma:

SABATO 7 AGOSTO

H.21.00 “OMOFOBIA E MISOGINIA – una matrice comune”
Panel – Convitto delle Arti
Saluti:#Alessandro Bottaro / Presidente Stonewall glbt e #Lucia Scala / Presidente Arcigay Siracusa.
Interverranno:#Maria Laura Annibali / Presidente dell’ass. Di’Gay Project e documentarista; #Francesco Lepore / giornalista e autore del libro “I delitti di Giarre”; #Paolo Patanè / già Presidente nazionale Arcigay

H.22.00 “L’ALTRA ALTRA META’ DEL CIELO – DONNE” documentario
Convitto delle Arti
Dopo i documentari “L’altra altra metà del cielo” (2008) e “L’altra altra metà del cielo…continua” (2011), prosegue il viaggio intrapreso da Maria Laura Annibali nel raccontare l’universo omosessuale femminile. Un nuovo ed interessante documentario con sei donne, alcune dalla nascita altra dopo un percorso di transizione, che si raccontano. Le loro storie si intrecciano in percorsi di vita che uniscono la drammaticità di scelte traumatiche alla quotidianità della vita “matrimoniale”. Donne sempre in bilico tra accettazione e rifiuto sociale, tra regolarità e trasgressione.

Anche su: Insider Trend.it

Su: Repubblica – ed. Palermo

Uno spezzone dell’intervento di Maria Laura
https://www.facebook.com/MariaLauraAnnibali/videos/563479748007096

Legalità e diritti

Sulla pagina Facebook del Comune di Fiumicino la presentazione del libro di Maria Laura Annibali L’altra altra metà del cielo. Donne.

di Antonella Giordano

https://www.wordnews.it/discriminazione-di-genere-e-omotransfobia

Si parlerà di legalità e diritti in diretta sulla pagina Facebook del Comune di Fiumicino giovedì 20 maggio alle ore 18 in occasione della presentazione del  libro di Maria Laura Annibali “L’altra altra metà del cielo. Donne” (Edizioni Croce) sul tema della discriminazione di genere e l’omotransfobia.

A parlarne in un incontro-confronto, in collaborazione con le associazioni Quote Merito e Humanae Vitae, saranno le personalità del mondo della cultura, delle istituzioni e della politica che su questi temi incentrano il loro impegno nell’affermarli sfidando le barriere dell’oscurantismo che sconfina nel negazionismo. 

Interverranno la senatrice Monica Cirinnà, la delegata del sindaco alla Legalità Arcangela Galluzzo e il delegato ai Diritti Davide Farruggio. Dialogheranno con l’autrice il regista Filippo Soldi, l’archeologa Sandra Mazza, ed io. Modererà l’incontro la giornalista Sarah Panatta.

Maria Laura Annibali 

Incontrare Maria Laura Annibali è, senza retorica, veramente un grande onore. Le sue opere, saggistiche, letterarie, cinematografiche esprimono senza veli lo spessore del suo impegno. Lasciano immaginare quanti sforzi ha richiesto e la loro misura, danno un’immagine nitida della tempra di Maria Laura.

Mi propongo di non riportarle tutte per non rischiare l’alluvionalità espositiva (sono veramente tantissime): nel repertorio  presente sul web si profila una mole difficilmente compendiabile in modo esaustivo. Tutto di Maria Laura è leggibile al link https://www.marialauraannibali.it/chi-sono/. Mi limito a compulsare qualche pillola minima: Garante della Consulta Femminile per le Pari Opportunità della Regione Lazio per due mandati,  dal 2014 Presidente dell’Associazione DI’GAY Project. E’ stato il cuore pulsante  della manifestazione nazionale del 5 marzo 2016 “Ora dritti alla meta!” che ha contribuito al via libera definitivo della legge Cirinna’ del 20 maggio 2016, prime firmatarie della legge sulle unioni civili. Ambasciatrice EuroGames Roma 2019 continua ad ottenere premi e riconoscimenti (ex multis: Premio speciale alla cultura – PhotoFestival di Anzio 2017, Premio alla sceneggiatura – Omovies Film Festival 2019.

Omotransfobia… quali diritti

Domina in ogni lavoro, tra le righe e fuori le righe, la statura di questa attivista, instancabile, determinata, concreta e fieramente schierata nell’affermazione della legalità  contro l’eterosessismo socio-culturale che “legittima” le discriminazioni nei confronti delle persone omosessuali. Maria Laura Annibali conosce il contenuto del loro dramma non da mera osservatrice ma da protagonista perché ha sperimentato sulla sua pelle cosa significa essere omosessuale. Ne ha portato i segni  in famiglia, nel lavoro, nella società. Ha così voluto far conoscere quanto tale realtà sia molto più complessa di quanto si possa immaginare e come la società giunga al punto di ignorarla, sbeffeggiarla, condannarla (è storia del secolo XIX e attuale le legislazioni che sanzionano l’omosessualità attraverso pene detentive, punizioni corporali o persino sentenze capital) con l’ostracismo ideologico e/o l’avversarialità pseudomedica dell’untore contro la virulenza patologica dell’appestato. L’omosessualità mai condivisa e mai difesa se non da pochi anni  e grazie a chi, come Maria Laura Annibali, ha fatto della sensibilizzazione una ragione di vita. Sensibilizzare il mondo sulle tematiche inerenti il “mondo omosessuale”, sulla metà di un cielo ignorato e vilipeso che Maria Laura descrive,  significa contrastare i processi di pensiero stereotipati nonché prevenire le pratiche discriminatorie.

Da quanto emerge nelle sue parole e nei suoi lavori – attraverso i quali si esprimono – la marginalizzazione vissuta da lesbiche e gay possiede caratteri peculiari rispetto a quella subita dalle altre minoranze oggetto di discriminazioni quali, ad esempio,  quelle razziali, etniche, religiose, vittime di diverse forme di stigmatizzazione e sottoposte a situazioni stressanti ed atti discriminatori. A differenza degli altri soggetti emarginati l’assenza istituzionale, familiare, politica, sociale induce le persone omosessuali – e Maria Laura stessa ha dovuto farlo – al volontario nascondimento del proprio orientamento sessuale, al convincimento dell’inutilità delle tradizionali strategie difensive adottate da altri gruppi o minoranze nella comunità di appartenenza e delle stesse lotte per affermare i valori e la cultura specifici della minoranza nella quale si riconoscono. Ciò è ciò che le cronache e gli studi disvelano essere dietro le quinte.

La Annibali non si arrende ai paradigmi e alla problematicità del cammino attraverso il quale sviluppare la propria identità e in beffa al modello formativo/educativo codificato, che impone l’interiorizzazione della diversità  di genere depauperatrice della stessa autostima, dichiara il proprio orientamento sessuale e  lo ostende , senza farsi irretire dalla presenza o meno del sostegno sociale. Stando ai fatti, la sua è stata e continua ad essere una sfida vinta contro le insulse stigmatizzazioni del pregiudizio omofobico. E la sua vittoria è la vittoria di chi, con lei, rifiuta le morfologie sclerotizzate dell’oscurantismo radicato nella cultura delle differenze, di chi guarda alla pluralità come valore, ricchezza, opportunità e non, piuttosto, come minaccia, disordine, crisi, di chi afferma la depatologizzazione dei contesti olocausto delle diversità.

Con Maria Laura Annibali io ci sono.

L’altra altra metà del cielo. Donne – Libro + DVD

Uscito il volume di Maria Laura Annibali, pubblicato da Edizioni Libreria Croce.

La presentazione pubblica di questo ulteriore lavoro di Maria Laura che si affianca alla produzione del DVD con il terzo docu-film L’altra altra metà del cielo. Donne, è in programma per

sabato 26 settembre
a Roma, presso il Family Bar
di via Carlo Cipolla 26 (Colli Albani).

Interverranno, oltre all’autrice e all’editore, Fabio Croce,

Emanuela Dei, scrittrice, giornalista
Sandra Mazza, archeologa
Anna Paolucci, scrittrice
Isabelle M. Rizk, architetta
Antonella Succi, avvocata

Roma, Immaginifico

Proiezione del terzo docu-film di Maria Laura Annibali “L’altra altra metà del cielo. Donne”, seguito da dibattito con l’autrice. Giovedì 27 febbraio 2020.

Presso Immaginificio, via Domenico Oliva, 4b, Roma

Così è presentato l’evento sul sito dell’Associazione.

E’ un viaggio che prosegue da anni. Ci sono già state due tappe: “L’altra altra metà del cielo (2008) e ”L’altra altra metà del cielo…continua” (2011), due documentari che hanno affrontato il mondo dell’omosessualità femminile, cioè una parte minoritaria di quella che è stata definita “L’altra metà del cielo”. E’ dal calore dell’accoglienza riservata ai primi due capitoli che M. L. Annibali trae la forza e l’entusiasmo di proseguire il cammino.

Una foto dell’evento

Sei storie di donne che, pur molto diverse fra loro, tuttavia si intrecciano in percorsi di vita che uniscono la drammaticità di scelte traumatiche alla quotidianità della “vita matrimoniale”, le une e le altre sempre in bilico tra accettazione e rifiuto sociale, tra normalità e trasgressione.

Essere donna nelle sue mille sfumature, forse lontane dagli stereotipi, ma molto vicine alla realtà nelle sue accezioni infinite, comunque Donne. Sono argomenti di cui si parla spesso, è vero.
Ma non sempre a parlarne sono le protagoniste. E soprattutto, non sempre, ne parlano nell’assoluta tranquillità di una conversazione tra amiche. Anzi una conversazione con un’amica di sempre.

Intervento di Maria Laura durante il dibattito

Intervento di Maria Laura

Napoli, Omovies Film Festival 2019

Maria Laura Annibali racconta l’altra altra metà del cielo – 12 dicembre 2019

L’intervento di Maria Laura al termine della proiezione de “L’altra altra metà del cielo. Donne” al 12° Festival del Film LGBT di Napoli.

Con Carlo Cremona, direttore artistico del Festival, e Pasquale Ferro.

Sulla serata conclusiva del festivale il resoconto de Il Mattino.it

Il video della premiazione di Maria Laura

Lidia consegna a Maria Laura Il Premio speciale Omovies 12

Omovies Film Festival 2019

Omovies Film Festival/Fondazione Made in Cloister: Maria Laura Annibali racconta l’altra metà del cielo – 12 dicembre 2019

by Pasquale Ferro – 11 dicembre 2019 – Il mondo di Suk

L’altra metà del cielo è il titolo di un interessante documentario firmato da una delle più importanti attiviste del mondo Lgbt, Maria Laura Annibali che nasce a Roma nel 1944.
Laureata in Scienze Politiche all’ Università “La Sapienza” di Roma, entra nel mondo del lavoro negli anni Settanta con un incarico al Ministero delle Finanze; l’evolversi della sua carriera la porta a diventare funzionaria direttiva, ruolo che ricoprirà sino alla pensione.
Questa attività non le impedisce di dedicarsi al mondo artistico, in particolare all’ archeologia – partecipando a scavi e ritrovamenti pre-romanici che in seguito confluiranno in una mostra – e al cinema.
Garante della Consulta femminile per le pari opportunità della Regione Lazio, Maria Laura racconta di essere cresciuta in ambienti, sia familiari che professionali, che l’hanno sempre tenuta in una bolla di sapone mentre al di fuori scorgeva un mondo in cambiamento del quale invece avrebbe voluto essere parte attiva.
Maria Laura coltiva oggi tante passioni, tutte in forma di volontariato: dagli animali ai poveri, insomma, prima femminista ed infine leader del mondo  Lgbt. Dal 2014 presiede l’associazione DI’GAY Project. Al riguardo dice: «Sono onorata per questo nuovo incarico, è un po’ il coronamento di tanti anni di dedizione all’associazione DGP e alla causa dei diritti Lgbt. Il fatto di succedere ad una leader come Imma Battaglia mi rende particolarmente orgogliosa».

lgbt| ilmondodoisuk.com
Qui sopra, ecco le donne del docufilm di Maria Laura Annibali.

La sua attività come film-maker si concentra essenzialmente sul progetto L’altra metà del cielo. Nel documentario raccoglie testimonianza di donne omosessuali dichiarate che vivono apertamente la propria diversità. Un lungometraggio che ha girato con successo il mondo: l’autrice aggiunge, così, una voce autorevole al panorama dei diritti delle persone omosessuali.
Donne per scelta: Valentina, Isabel e Helena; donne per nascita: Anna, Edda e Paola e Stella.  Donne determinate, le prime, a affrontare il percorso della transizione per essere sé stesse in un corpo che rappresenti pienamente quella che è la loro vera identità.
Donne, le seconde, fieramente convinte della propria donnità (come ama dire Edda), ma altrettanto orgogliose della propria diversità, in quanto lesbiche. Sei storie di donne  molto diverse tra loro che tuttavia si intrecciano in percorsi di vita che uniscono la drammaticità di scelte traumatiche alla quotidianità della vita matrimoniale, le une e le altre sempre in bilico tra accettazione e rifiuto sociale, tra normalità e trasgressione.
Essere donna nelle sue mille sfumature, forse lontane dagli stereotipi, ma molto vicine alla realtà nelle sue accezioni infinite, comunque Donne. Sono argomenti di cui si parla spesso, è vero. Ma non sempre a parlarne sono le protagoniste. E, soprattutto, non sempre ne parlano nell’assoluta tranquillità di una conversazione tra amiche.


Maria Laura  ne parla invece con grande passione, una vera guerriera per i diritti  che ci propone a Napoli (nell’ambito del film festival Omovies organizzato dall’associazione Iken) giovedi 12 dicembre alle 18 presso la Fondazione Made in Cloister, in piazza Enrico de Nicola 48. L’ingresso è libero. Non perdetevi il dibattito dopo la proiezione del docufilm.
Per saperne di più
http://www.omovies.it/

Sulla prima del terzo docu-film a Roma

La notizia della prima presentazione pubblica di L’altra altra metà del cielo. Donne

Sul sito del Di’Gay Project – 11 novembre 2019

GayPost.it – 24 novembre 2019

Intervista per PaeseRoma.it – 28 novembre 2019

GayNews.it – 2 dicembre 2019
Con video intervista di Francesco Lepore, qui di seguito:

L’altra altra metà del cielo. Donne

Il trailer

L’altra altra metà del cielo è un documentario sull’essere donna. Essere donna per nascita o per scelta. Essere donna nelle sue mille sfumature. “Donna” forse lontana dagli stereotipi da pubblicità. Ma “donna” vicina al reale. Quale la finalità di questo documentario? Far conoscere un modo di essere donna lontano dal consueto. Essere donna ma sentire dentro di sé l’impulso al maschile, sentirsi donna e non esserlo da un punto di vista biologico. Essere una donna che ama altre donne. Quindi una parte minoritaria di quella che è stata definita “l’altra metà del cielo”.
Sono argomenti di cui si parla spesso, è vero. Ma non sempre a parlarne sono le protagoniste. E, soprattutto, non sempre ne parlano nell’assoluta tranquillità di una conversazione tra amici. Anzi, una conversazione con un’amica di sempre.

In proposito l’intervista di Alessandro Baracchini a Maria Laura su RaiNews24, alla vigilia della prima, il 27 novembre 2019

L’altra altra metà del cielo è un viaggio nel mondo dell’omosessualità femminile intrapreso da me diversi anni fa con la consapevolezza di conoscere la data di partenza ma non la data di arrivo. Ci sono già state due tappe: L’altra altra metà del cielo (2008) e L’altra altra metà del cielo… continua (2011). Questi due documentari, della durata di 50 minuti, hanno avuto notevoli presenze festivaliere, accoglienze entusiastiche da parte di molti pubblici e sono stati proiettati nelle più disparate sedi, dai circoli femministi alla sezione maschile del carcere romano di Rebibbia. È proprio dal calore dell’accoglienza riservata ai primi due capitoli che traggo la forza e l’entusiasmo di proseguire il cammino.

L’altra altra metà del cielo DONNE è la terza tappa e prevede diversi compagni di viaggio. Questa volta ho voluto chiamare accanto a me un regista di cui avevo visto alcuni documentari; un regista che, in quanto “autore tecnico”, non vuole togliere nulla all’autorialità di una viaggiatrice che tempo fa ha deciso di partire alla scoperta del suo mondo.

Anche tu puoi essere mio compagno di viaggio sostenendo il mio progetto per diffondere un messaggio di inclusione contro ogni forma di discriminazione e di omofobia.

Ho bisogno che tu sia al mio fianco. Anche un tuo sorriso o una tua parola di incoraggiamento sono per me preziosissimi. Se vuoi fare di più, puoi sostenere il mio progetto economicamente. Contattami

In ogni caso: GRAZIE !

Maria Laura per PaeseRoma.it

Prima assoluta del docu-film alla Casa internazionale delle Donne

di Paolo Miki D’Agostini
per PaeseRoma.it

Il 28 Novembre 2019 ore 17:00 presso la Casa internazionale delle Donne,
sarà proiettata la prima del docu-film di Maura Laura Annibali,
“L’altra altra metà del cielo. Donne”, regista Filippo Soldi.

Maria Laura e la moglie Lidia Merlo

Maria Laura Annibali, 75 anni, è Presidente associazione dell’associazione Di’ Gay Project ed è coniugata con Lidia Merlo, 72 anni. Con questo film, terzo di una serie, fa luce su aspetti poco conosciuti della sessualità tra lesbiche.

Come mai questo titolo?
“Altra altra” perchè non parlo di donne etero, io parlo di donne che amano le donne

Chi è Filippo Soldi?
Filippo Soldi è un regista di grande abilità che ha vinto il Globo d’oro, nonostante il suo calibro ha partecipato gratuitamente alla realizzazione del film.

Di cosa parlano i suoi film?
Nei miei film si parla solo ed esclusivamente di lesbiche. Sono stata la prima film-maker del mondo a portare i documentari lesbo in carceri maschili e transgender.

Perchè ha scelto la Casa Internazionale delle Donne per presentare il film?
E’ un luogo a cui sono molto legata.

L'altra altra metà del cielo. Donne
L’altra altra metà del cielo. Donne

Qual è l’argomento del suo terzo film?
Ho intervistato uomini diventati donne che amano altre donne, in sostanza uomini diventate donne lesbiche.

E’ possibile che tali donne formino una coppia e si relazionino nella loro femminilità?
Non ne ho mai incontrate, però, poichè ci si innamora delle persone e non del loro sesso, è possibile che due transessuali, maschi alla nascita, diventate lesbiche possano incontrarsi e amarsi.

Quale importanza ha nella sua vita la partecipazione al movimento LGBT?
Sono convinta che Gesù Cristo mi abbia creata così per destinarmi ad una causa.
Ho partecipato ad attività politiche per gran parte della mia vita, sperando di poter, prima o poi, unirmi anche legalmente con la mia compagna, quando finalmente grazie alla legge Cirinnà, il 23 novembre 2017 sono diventata la sposa Gay più grande d’Italia.

Quali diversità possibili nella società contemporanea?
9 maggio 2017

Incontro con l’Associazione Famiglie di Villacidro (Sud Sardegna)

Convegno Villacidro 9 maggio 2017

Le diversità che ogni umano porta nel proprio essere lo rendono una persona unica ed irripetibile costringendo le comunità e le famiglie a porsi domande anche inedite e a dare risposte ai bisogni di riconoscimento che ogni persona ha diritto di ricevere.
In particolare tutte le persone LGBTQI (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender, Queer, Intersex) devono vivere, spesso in clandestinità e con enormi sofferenze emotive e relazionali, le proprie diversità.
Molte persone subiscono e soffrono per l’ostracismo sociale e familiare in cui sono relegate e chiedono di vivere serenamente le proprie scelte affettive. Dalla Sardegna vanno via la maggior parte dei giovani, e non solo per mancanza di lavoro. Spesso manca l’accettazione, la comprensione e la solidarietà piena di cui tutti hanno diritto.
Come emanciparsi nel nostro tempo storico e nel nostro contesto mediterraneo da queste manifestazioni medioevali ancora presenti nelle famiglie e nelle comunità?
Come operare individualmente e collettivamente per una reciprocità cooperativa tra uomini e donne nella famiglia umana?

Martedì 9 Maggio 2017 ore 18.00-22.00
presso l’Aula Magna del Liceo “E. Piga”
via Regione Sarda, 60 – Villacidro
Con il patrocinio del Comune di Villacidro

Ne parliamo con:

Carolina Gandolfi – Parma
Simona Deidda e Stefania Mocci – Domusnovas
Andry Mocci – Villacidro
Maria Laura Annibali – Roma

Verrà proiettato il docu-film L’altra altra metà del cielo… continua” di Maria Laura Annibali

Discussant: Caterina Deon

Scarica la locandina dell’evento

Master su Educazione affettiva e sessuale per l’Infanzia, l’Adolescenza e la Genitorialità

9-10-11 Marzo 2017 – Università Roma Tre

Il Master dell’Università Roma Tre offre strumenti tecnici, diagnostico-valutativi e di affiancamento efficace alle Buone prassi, in emergenza e per i Percorsi educativi personalizzati, per la maturazione emotivo-affettivo-cognitivo-sessuale in infanzia, adolescenza e per la genitorialità, attraverso conoscenze scientifiche e metodologiche innovative

Il responsabile del master è il prof. Matteo Villanova (Neuropsichiatra e Sessuologo clinico e forense, Professore universitario e Direttore dell’ Osservatorio Laboratorio Tutela Rispetto Emozionale Età Evolutiva (OLTREEE).

Nel programma del pomeriggio di venerdì 10 marzo:
Dott.ssa Maria Laura Annibali, Garante Consulta femminile Pari Opportunità Regione Lazio, Presidente Associazione D-Gay Project – Roma
Introduzione, proiezione e commento al documentario: ‘L’altra altra metà del cielo’.

Il flyer illustrativo del master